Una “noce” nel braccio

Il Sig.M. era già stato trattato da me e da altri colleghi per un dolore molto particolare al braccio sinistro: riferiva come l’avere una“noce”o“pallina”a livello del terzo distale del ventre muscolare del bicipite brachiale. Riferiva anche altri dolori all’articolazione della spalla  soprattutto in intra rotazione, movimento in cui è limitato.

La sensazione di“avere una noce” si evidenziava ogni volta che effettuava una flessione ed extra rotazione della spalla.

Dopo vari tentativi tutti siamo arrivati a consigliargli di approfondire la questione,che non riuscivamo a modificare in nessun modo, tramite degli accertamenti radiologici. I vari controlli risultano negativi a parte l’ecografia dalla quale risulta solo una calcificazione a livello dell’inserzione del Sovraspinoso di dimensioni ragguardevoli (25mmdilunghezzae13mmdilarghezza).

Gli sono state consigliate le onde d’urto a seguito di infiltrazioni di cortisone.

Per ora ha eseguito solo le infiltrazioni di cortisone che hanno avuto pochi effetti se non una sensazione di alleggerimento della spalla.

La sensazione fastidiosa di una “noce” nel bicipite permaneva.

Gli ho proposto di provare la Miofibrolisi Integrata.

Inizialmente con la STP e in seguito con l’aiuto dei puntoni sono stati sciolti 2 PAM

(Punti Algici Miofasciali) localizzati vicino e sulla zona interessata dalla “noce”.

E’ stata ottenuta la IPC (Infiammazione Programmata e Controllata). Ed è stata trattata con la coppettazione per aumentare il drenaggio dei fluidi.

image001E’ stata trattata la cervicale con la STP e  con tecniche di rilascio fasciale, ora il movimento è quasi del tutto indolore.

Il dolore residua solo nella intra rotazione la quale risulta ancora limitata come movimenti

dalla calcificazione che permane tuttora, anche se risulta aumentato il Range di Movimento rispetto all’inizio.

La sensazione di “noce” è completamente svanita.

Luca Pella

 

 

Comments are closed.